Immobili di proprietà: cresce l’ottimismo

Articolo dal 09.07.2021
Proprietà della casa

Risultati del sondaggio immobiliare svizzero (dati: 2° trimestre 2021)

 

Le aspettative degli esperti immobiliari sono decisamente più positive rispetto a quelle di 6 mesi fa. I 690 partecipanti al sondaggio semestrale di FPRE si aspettano, nei prossimi 12 mesi, la crescita dei prezzi di transazione di immobili di proprietà e case plurifamiliari e prezzi stabili per gli appartamenti in locazione. Meno ottimistiche le prospettive per il mercato degli uffici.

 

Si rafforza l'ottimismo già espresso 6 mesi fa relativamente agli immobili di proprietà: l'indice delle aspettative di prezzo per gli appartamenti di proprietà è chiaramente più alto rispetto a 6 mesi fa, a quota 58.8 punti, e ricorda il livello raggiunto nell'autunno del 2000: è il valore più alto negli ultimi 20 anni. Questo secondo le valutazioni dell'indagine semestrale riguardante il mercato immobiliare svizzero fatta da FPRE tra 690 esperti del settore. Questa tendenza positiva vale anche per le case unifamiliari: l'indice dei prezzi attesi è salito da 52.3 a 84.6 punti. Questo sviluppo riguarda tutta la Svizzera ed entrambi i settori. Molti esperti si aspettano ulteriori aumenti dei prezzi immobiliari: nell'autunno del 2020 circa il 40% dei partecipanti al sondaggio si aspettava un aumento dei prezzi nei prossimi 12 mesi, mentre ora la percentuale è il 62%. Chi opera nel segmento degli immobili di proprietà ritiene, dopo un breve calo delle aspettative nella primavera del 2020, di non doversi preoccupare per gli effetti della pandemia di Coronavirus.

 

Anche l'indice dei prezzi per gli appartamenti in locazione, a quota -5.0, è più alto del valore di 6 mesi fa (-25.5 punti). Circa il 70% degli esperti, la maggioranza, ritiene che i prezzi degli affitti si stabilizzeranno. Nelle regioni Giura e Svizzera orientale invece più del 20% degli esperti si aspetta una diminuzione dei prezzi di affitto; nella Svizzera meridionale addirittura il 46%. Nonostante i prezzi degli affitti restino stabili o diminuiscano, gli esperti che hanno partecipato all'indagine ritengono che i prezzi delle case plurifamiliari aumenteranno ulteriormente. Il corrispondente indice dei prezzi attesi è a 72.6 punti, decisamente superiore al valore dell'autunno del 2020 (53.6 punti). Il valore più alto si registra nella regione di Zurigo: qui il 63% dei partecipanti si aspetta un aumento dei prezzi nei prossimi 12 mesi, e il 12% un aumento particolarmente notevole.

 

Continua la pressione sul mercato degli uffici e gli esperti si aspettano un ulteriore calo dei prezzi di affitto: l'indice dei prezzi attesi relativo agli spazi per uffici è chiaramente in negativo, a quota -78.6 punti. Anche lo sviluppo degli affitti di mercato segue un trend negativo: nel 1° trimestre del 2021 gli indici di mercato per gli spazi per uffici sono inferiori del 3.0% ai valori di riferimento dello stesso trimestre dell'anno precedente. Anche i prezzi di transazione per uffici e spazi commerciali continuano a diminuire: il corrispondente indice è a -36.1, valore negativo, ma leggermente superiore a quello di 6 mesi fa (-51.3). «La mancanza di ulteriore domanda, insieme alla disponibilità sul mercato di nuovi spazi, farà in modo che il calo dei prezzi di affitto e di transazione per gli immobili con offici continui per il resto del 2021», sostiene Stefan Fahrländer, Partner FPRE.

 

Sondaggio immobiliare e indici di prezzo HEV-FPRE: dal 2008 FPRE conduce ogni semestre, tra gli esperti immobiliari svizzeri, un’indagine sulle aspettative relative all’andamento dei prezzi attesi passati e presenti. L'indagine HEV svizzera inoltre fornisce una serie di stime degli esperti relativa a diversi anni. Gli indici dei prezzi attesi ricavati da entrambe le indagini forniscono indicazioni riguardanti gli sviluppi futuri di diversi segmenti immobiliari. Per il sondaggio di questa primavera FPRE si è rivolta a 690 esperti in tutta la Svizzera. 

Condividi su

0