Proprietà per piani: un modo di abitare speciale e apprezzato

Articolo dal 25.08.2022
12589-506200-iStock-1069330600.jpg

In Svizzera la proprietà per piani gode di grande popolarità. Ecco cosa rende questa forma abitativa così speciale e a cosa fare attenzione come (futuro/a) comproprietario/a.

 

In Svizzera la proprietà per piani è estremamente popolare. Ma cosa la rende così interessante? Da un lato c'è la sua disponibilità: soprattutto nelle zone più urbane, è più facile trovare un appartamento in proprietà per piani che una casa unifamiliare. Inoltre è generalmente meno costosa e ciò vale sia per il prezzo d’acquisto che, solitamente, per le spese di manutenzione.

I costi comuni, ad esempio per riscaldamento o rinnovo della facciata, vengono ripartiti con gli altri comproprietari. Questo porta a un certo senso di comunità tra i proprietari del piano. Ci sono questioni comuni su cui tutte le parti interessate hanno diritto di esprimersi, ma possono anche sorgere controversie.

 

Chi sceglie la proprietà per piani deve conoscere le particolarità di questa forma abitativa:

Diritto esclusivo e parti comuni

Con l'acquisto di un'unità in proprietà per piani si ottiene la comproprietà del terreno e dell'edificio ivi costruito. Esiste inoltre un cosiddetto diritto esclusivo che riguarda l’utilizzo e lo sviluppo del proprio appartamento e di altre parti dell’edificio come la cantina. Di conseguenza bisogna farsi carico anche delle spese relative a queste aree.

Per le parti comuni, invece - ad esempio scale o giardino condiviso – è concesso l'utilizzo a tutti i proprietari di piano e sono possibili cambiamenti solo con il consenso della comunità. Inoltre tutti devono contribuire alle spese di manutenzione e utilizzo. Eventuali normative specifiche (ad esempio il divieto di ingresso per i cani) vanno rispettate da tutti i proprietari.

 

Assemblea regolare dei comproprietari

Deve tenersi un'assemblea dei comproprietari almeno una volta l'anno. Le decisioni prese in questa sede varranno per ogni residente. Spesso si tratta di investimenti comuni o lavori di ristrutturazione. In particolare, le ristrutturazioni più costose possono portare a divergenze, o addirittura a veri e propri litigi.

 

Consultare il regolamento in caso di dubbi

Non è sempre chiaro cosa appartenga al singolo proprietario e cosa alla parte in comune. Ad esempio, l'interno del balcone solitamente rientra nel diritto esclusivo del proprietario, ma la situazione non è altrettanto chiara per quanto riguarda la porta del balcone o le tende da sole. Sono cose visibili dall'esterno e che, in linea di principio, appartengono alla comunità. In questi casi vale la pena studiare i regolamenti specifici della proprietà per piani, dove sono elencati eventuali norme speciali.

 

Versamenti al fondo di rinnovamento

Generalmente i comproprietari hanno un fondo di rinnovamento in comune per affrontare le ristrutturazioni più costose riguardanti la parte in comune. Ogni anno si versa una specifica percentuale in questo fondo. L'associazione svizzera dei proprietari per piani (SSTV) consiglia un deposito annuale di almeno lo 0,3% del valore assicurativo dell'edificio.

 

Aumenta la popolarità della proprietà per piani

Circa il 12% di tutti gli appartamenti in Svizzera sono in proprietà per piani, come mostrato dai dati dell'Ufficio federale delle abitazioni: più di un appartamento su otto. Nel 2010 c’erano 373'474 appartamenti in proprietà per piani, nel 2020 già 456‘787: un aumento di più del 22%. La popolarità di questa forma abitativa si osserva anche nell'andamento dei prezzi: dal 2000, secondo i dati di FPRE, i prezzi di queste unità abitative sono aumentati del 151%, mentre quelli delle case unifamiliari «solo» del 113%.

 

Condividi su