Sostenibilità nel settore immobiliare

Articolo dal 28.04.2022
Sostenibilità nel settore immobiliare

Chi punta alla sostenibilità nell'edilizia non solo protegge il clima, ma spesso migliora anche l'immobile stesso, lo rende più confortevole e si libera dalle incertezze. Non sempre, però, vale la pena di effettuare immediatamente un risanamento energetico.

 

Quasi il 25% delle emissioni di gas serra in Svizzera proviene dagli edifici. Non stupisce quindi che ci si concentri così tanto sulla sostenibilità quando si tratta di costruire nuovi edifici o di risanarne di esistenti. Lo scopo principale è ridurre le emissioni di CO2 dannose per l'ambiente, migliorando l'isolamento termico, convertendo i sistemi di riscaldamento affinché possano utilizzare fonti di energia rinnovabili e, in generale, riducendo i consumi. «Greencity», quartiere di Zurigo, è un vero e proprio modello di sostenibilità: qui non solo si sono ridotti al minimo i costi dell'energia, ma si utilizzano esclusivamente fonti di energia rinnovabili. La sostenibilità è stata considerata anche per quanto riguarda densità abitativa, accesso ai trasporti pubblici, luoghi di incontro e vicinanza alla natura.

 

Chi presta attenzione alla sostenibilità del proprio immobile generalmente ne trae vantaggio. Questo per diversi motivi:

  • Eliminazione delle incertezze giuridiche: l'Agenda 2030 della Confederazione traccia la strada per una massiccia riduzione delle emissioni di CO2. Le normative al riguardo vengono inasprite sempre più. Il Canton Zurigo, nel novembre 2021, ha approvato una nuova legge in campo energetico per cui gli impianti di riscaldamento a olio e gas alla fine della propria vita utile andranno sostituiti da sistemi a impatto climatico zero.
     
  • Riduzione della dipendenza da energia fossile: il conflitto in Ucraina ci mostra i potenziali rischi della forte dipendenza da olio e gas. Le spese per il riscaldamento sono aumentate enormemente in brevissimo tempo. Chi ricorre, almeno in parte, alle energie rinnovabili subisce meno le fluttuazioni dei prezzi dei combustibili fossili.
     
  • Valorizzazione dell'immobile: diversi studi dimostrano che la maggiore sostenibilità aumenta il valore di un immobile, oltre a diminuirne le spese accessorie. Chi invece non tiene il passo con gli attuali standard del settore rischia, sul medio termine, la svalutazione del proprio immobile.
     
  • Maggiore comfort: il cambiamento climatico fa aumentare i requisiti per gli involucri edilizi. L'isolamento termico e la ventilazione dell'edificio permettono di mantenere temperature gradevoli anche durante ondate di calore e inverni freddi.
     
  • Sovvenzioni statali: la Confederazione, quasi tutti i cantoni e molti comuni in Svizzera promuovono l'energia solare. Gli operatori ricevono una rimunerazione che può ammontare fino al 30% del costo dell'investimento. Inoltre vi sono indennizzi per la cessione di energia fotovoltaica e le misure di risparmio energetico per edifici esistenti sono fiscalmente detraibili.
     

Quando si pensa ai vantaggi dell’edilizia sostenibile, però, bisogna considerare anche la propria situazione individuale per decidere se valga la pena o meno fare un risanamento energetico. Potrebbe convenire attendere la fine del ciclo vitale dell'impianto di riscaldamento a olio o gas per sostituirlo. Inoltre, sostituire i vecchi edifici non è sempre necessario: bisogna considerare anche l'energia grigia richiesta per costruzione e manutenzione.

 

Non dimentichiamo poi che la fornitura energetica è attualmente in fase di riprogettazione, e potrebbe quindi valere la pena attendere fino al completamento di nuovi progetti energetici: a Zurigo, ad esempio, si sta investendo nella generazione di energia dal calore del lago. È possibile informarsi presso i propri comuni e cantoni per sapere quali sono i progetti energetici in corso. L’Agenda 2030 della Confederazione non si limita a richiedere tali progetti, ma li incoraggia e sostiene attivamente, e nei prossimi anni probabilmente verranno destinati più fondi alle sovvenzioni.

 

I certificati di sostenibilità

Esistono diverse etichette fornite da organizzazioni indipendenti per rendere più trasparente e misurabile la sostenibilità degli immobili. Mentre all'estero i certificati energetici per gli edifici spesso sono già obbligatori, in Svizzera sono solo facoltativi. Ecco le certificazioni più conosciute in Svizzera:

 

CECE

Il Certificato Energetico Cantonale degli Edifici CECE valuta qualità dell'involucro e prestazioni energetiche dell'edificio. Si tratta di una valutazione puramente energetica. Spesso è necessario un CECE per richiedere le sovvenzioni.

 

Minergie

Lo standard più conosciuto in Svizzera per edifici nuovi e ammodernati. Per questa certificazione sono fondamentali buon involucro edilizio, fornitura di energia efficiente e rinnovabile e cambio dell'aria controllato.

 

SNBS Edificio

Lo Standard Costruzione Sostenibile Svizzera SNBS è l'etichetta di sostenibilità più completa in Svizzera. La sostenibilità dell'edificio viene valutata non solo in base a fattori ambientali, ma anche sociali ed economici. Si considerano integrazione dell'architettura con l'ambiente, densità di utilizzazione, salute e benessere e potenziale di rendimento.

 

Condividi su