Vendere o affittare casa: vantaggi e svantaggi

Articolo dal 13.09.2021
Vendere o affittare casa: vantaggi e svantaggi

Per la maggior parte delle persone è difficile vendere la casa in cui si è vissuto per molti anni. Vista la continua crescita dei prezzi degli immobili, conviene di più vendere o dare in affitto? Entrambe le scelte hanno sia vantaggi che svantaggi.

 

La casa è un bene molto richiesto. Negli ultimi 20 anni in Svizzera i prezzi di case unifamiliari e appartamenti sono, a seconda della regione, quasi raddoppiati. Di questi tempi i prezzi delle case unifamiliari sono più alti che mai. Secondo le ultime stime della società di consulenza immobiliare Fahrländer Partner AG i prezzi di vendita sono aumentati del 1,5% tra il primo e il secondo trimestre di quest'anno e di addirittura del 7,5%, in media, rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente. Per quanto riguarda gli appartamenti, i prezzi sono aumentati del 3,8% rispetto a metà 2020. Proprietari e proprietarie di case hanno beneficiato di questi sviluppi.

 

«Nonostante il mercato immobiliare vada a gonfie vele e gli immobili siano considerati un bene raro e prezioso, da tenersi stretto, potrebbe essere una buona idea vendere casa ora per lasciare parte del ricavato a figli, figlie o nipoti.» sostengono i nostri agenti immobiliari RE/MAX. La decisione di separarsi dalla propria abitazione non sempre è facile, viste le emozioni e i ricordi che spesso ci legano ad essa. Ma raggiunta una certa età gestire un immobile può diventare troppo difficile, ad esempio se è presente un giardino di grandi dimensioni. Vendendo casa si può utilizzare il ricavato per acquistarne una più piccola, investirlo, o realizzare il sogno di una vita.

Essere padroni o padrone di casa è molto impegnativo

Ovviamente proprietari e proprietari possono scegliere di non vendere e limitarsi a dare in affitto. Ciò però comporta anche svantaggi: le difficoltà di gestione di un immobile non vanno sottovalutate. Si tratta di uno sforzo considerevole in termini di tempo e denaro. Bisognerà occuparsi delle riparazioni, del controllo degli affitti e degli aspetti fiscali, oltre che delle lamentele di chi ha preso in affitto l’immobile. Anche il cambiare inquilini e inquiline potrebbe portare ad ulteriori perdite di tempo. Non dimentichiamo poi che l'affitto potrebbe far perdere valore alla casa: chi prende in affitto tende a preoccuparsi meno delle condizioni della casa, non essendo questa di sua proprietà. Inoltre la necessità di ristrutturare e risanare un immobile può avere costi elevati. Ciò può portare a problemi di natura finanziaria per chi dà in affitto l'immobile, se non dispone dei fondi necessari. Chi si stufa del ruolo di padrone o padrona di casa non può liberarsi così facilmente di affittuari o affittuarie. Deve rispettare determinati limiti di tempo. C'è un'elevata probabilità che l'inquilino o l'inquilina si opponga alla decisione, portando così ad ulteriori ritardi. Per evitare questi problemi, da non sottovalutare, è il caso di valutare la possibilità di vendere l’immobile.

L'immobile resta in famiglia

L'affitto ha anche vantaggi: innanzitutto l'immobile continua ad appartenere alla propria famiglia e sarà possibile, eventualmente, riappropriarsene per farne altro utilizzo, come lasciarlo in eredità alla prossima generazione. Ulteriore vantaggio è il fatto che il continuo reddito dovuto all'affitto sarà un’entrata costante e a lungo termine. Tuttavia parte di queste entrata andrà spesa per il mantenimento dell'immobile. Il reddito derivante dall'affitto si potrà anche utilizzare per investimenti, ad esempio mettere qualcosa da parte per la vecchiaia. Dare l’immobile in affitto può essere una buona scelta se si desidera un’entrata continua e a lungo termine e non si hanno obiezioni relative a tempi e costi di gestione dell'immobile. La domanda fondamentale è: mi conviene di più vendere o dare in affitto?

 

La domanda si pone anche quando chi ha ereditato l'immobile non ha intenzione di abitarci. Quello che inizialmente sembrava un «regalo» potrebbe trasformarsi rapidamente un peso. «Quando si fa parte di una comunità di eredi spesso la situazione si complica in quanto non è facile dividere equamente un'immobile tra le diverse parti.» dicono gli agenti immobiliari RE/MAX. «In tal caso può essere una buona idea vendere l'immobile ricevuto in eredità per poi dividersi il ricavato.»

Assistenza professionale

Desideri, esigenze e situazioni personali di proprietari e proprietari di immobili variano caso per caso, ed è quindi buona cosa discuterne con agenti immobiliari di provata esperienza che grazie alla loro competenza e capacità di giudicare oggettivamente l'immobile saranno in grado di fornire supporto e assistenza necessari per trovare l'acquirente ideale.

 

Condividi su